Assarmatori e Confitarma “alleate” sul conferimento dei rifiuti

ROMA - Assarmatori e Confitarma "alleate" contro l’entrata in vigore del decreto legislativo sugli impianti portuali di raccolta per il conferimento dei rifiuti delle navi. “Emblematico in tal senso -scrivono le due associazioni di armatori- è il caso delle navi di linea delle Autostrade del Mare per le quali la nuova normativa ha confermato l’impianto dell’esenzione preesistente, in base al quale le navi in possesso dei necessari requisiti verificati dall’Autorità marittima potevano conferire i rifiuti solo in un porto lungo la rotta”. Ora, in aggiunta all’obbligo di stipula di un contratto di servizio con un impianto di raccolta in uno dei porti lungo la rotta della nave (condizione, talvolta, difficile da rispettare) c'è anche il fatto che i requisiti devono  essere verificati dall’Autorità di Sistema portuale, che dovrebbe rilasciare apposito certificato di esenzione. “Condizionale d’obbligo -sottolineano- dal momento che le A...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Shipping

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

High Courage d'amico
Shipping

La d’Amico ordina altre due navi cisterna ‘Eco’

LUSSEMBURGO – La d’Amico International Shipping S.A., società leader a livello internazionale nel trasporto marittimo, specializzata nel mercato delle navi cisterna, rende noto che la propria controllata operativa d’Amico Tankers…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar
grendi