Caso marò all’Aja: chiesto rientro di Girone

ROMA - L'Italia vuole che Salvatore Girone rientri in patria e che vi resti fino alla fine del procedimento arbitrale che la vede opposta all'India sulla vicenda dei due marò. E lo ribadirà il oggi e domani nell'udienza davanti al Tribunale arbitrale internazionale, istituito presso la Corte permanente di arbitrato dell'Aja e incaricato di dirimere la questione sulla giurisdizione del caso, contesa tra Roma e Delhi. Con il ricorso all'arbitrato internazionale, «il caso non è più una questione bilaterale», ha dichiarato il direttore generale per l'Europa occidentale del ministero degli Esteri indiano, K. Nandini Singla, alla vigilia del vertice a Bruxelles tra l'Ue e l'India, più volte rinviato anche a causa della crisi diplomatica con l'Italia. «Abbiamo sempre desiderato avere relazioni forti con l'Italia» che, ha sottolineato ancora Nandini, vediamo «come un partner chiave all'interno dell'Unione europea». &l...

Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Archivio

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Archivio

Porto Trieste hub lungo Via della Seta

TRIESTE – L’importanza dello scalo portuale di Trieste nell’ambito degli scambi internazionali e la valenza del sistema logistico del Friuli Venezia Giulia, sono stati alcuni dei temi affrontati nell’incontro tra…
Cfo moby 15 12 17
Archivio

Francesco Greggio nuovo Cfo Gruppo Moby

MILANO – Francesco Greggio è il nuovo Chief financial officer del Gruppo Moby. Si tratta – informa la compagnia – di una promozione dall’interno dal momento che Greggio è in…
Archivio

In comune a Trieste ambasciatore della Turchia

TRIESTE – L’ambasciatore di Turchia Murat Salim Esenli, inquesti giorni è aTrieste in visita ufficiale. Accompagnato dal console generale della Repubblica di Turchia a Milano Hami Aksoy, dal primo segretario…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar