Connect with us

Politica

Come risolvere il problema della Sea Watch

Metà immigrati ad Amsterdam, l’altra metà a Berlino

Avatar

Pubblicato

il giorno

sconto cassazione galilei parole lorenzini tdt o reddito di cittadinanza spese militari Il più bel tacer non fu mai scritto
LIVORNO - Ormai per porre termine alla via crucis dei migranti della Sea Watch, neppure la Commissione Ue, di fronte alla manifesta e provocatoria caparbietà del comandante e dell’equipaggio, se la sente più di rivolgersi esplicitamente all’Italia per una soluzione. "L'Unione Europea vuole risolvere il problema Sea Watch? Facile – propone il ministro dell’Interno, Salvini - nave olandese, ong tedesca: metà immigrati ad Amsterdam, l'altra metà a Berlino. E sequestro della nave pirata. Punto". Al di là e al di fuori di ogni pregiudizio, si tratta di un ragionamento proprio tanto sbagliato chieder conto allo stato di bandiera e a quello di nazionalità dell’armatore, visto che, a quest’ora, la nave della discordia avrebbe potuto attraversare anche l’oceano?
Abbonati o effettua il login
Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

De Micheli: “Mose, grandi navi, dragaggi oltre l’emergenza”

Il ministro insieme al Premier Conte fa il punto della situazione e guarda al futuro

Giulia Sarti

Pubblicato

il giorno

Mose grandi navi e dragaggi
VENEZIA – È arrivata nel pomeriggio di ieri a Venezia il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli che insieme al premier Conte ha fatto il punto della situazione dopo l'alluvione di ieri, rispondendo, dopo la prima riunione in Prefettura con le autorità locali, alle domande dei giornalisti su Mose, grandi navi e dragaggi. “Ci siamo impegnati -ha detto la De Micheli- a convocare il cosiddetto “comitatone” per giungere ad alcune decisioni su problemi che riguardano l'emergenza ma che vanno anche oltre. Risposte che Venezia aspetta come il Mose, le grandi navi, i dragaggi. Oggi a maggior ragione si rende necessario un grande progetto su Venezia su questioni aperte da tempo”. Soffermandosi sul Mose, così come aveva sottolineato il premier ...
Continua a leggere

Politica

Accordo tra Ministero Ambiente e Regione Sicilia

Per ridurre l’inquinamento da trasporti e aree industriali

Massimo Belli

Pubblicato

il giorno

accordo
ROMA – Un accordo con una serie di misure concrete per il miglioramento della qualità dell’aria, necessarie ad affrontare la crisi ambientale nei maggiori agglomerati urbani della regione Sicilia, è stato sottoscritto oggi dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa e il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci. L’accordo punta in particolare a migliorare la situazione del traffico urbano e interviene nelle aree industriali in cui è elevata la presenza di impianti termoelettrici, raffinerie, cementifici etc. "La Sicilia ha un enorme problema di inquinamento e vincere qui la battaglia della tutela ambientale vuol dire dare una grande scossa a tutto il Paese – afferma il ministro Costa - Con questo accordo, abbiamo avviato un grande percorso per migliorare la qualità dell’aria e quindi di vita dei cittadini”. L’accordo prevede una serie di interventi nei settori maggiormente responsabili delle emissioni inquinanti: trasporti e impianti industriali. Nello specifico, rela...
Continua a leggere

Politica

Il più bel tacer non fu mai scritto

Sull’attentato di ieri a Kirkuk

Avatar

Pubblicato

il giorno

sconto cassazione galilei parole lorenzini tdt o reddito di cittadinanza spese militari Il più bel tacer non fu mai scritto
LIVORNO - Chi non ricorda la scenetta in cui il grande Totò racconta all'inseparabile spalla Mario Catellani di avere incontrato un tale che lo aveva riempito di schiaffoni ripetendogli “accidenti a te, Pasquale” continuando poi ad apostrofarlo con violenza, sempre chiamandolo Pasquale? Ricordate che alla domanda di Castellani: “... e tu, non hai detto nulla?” Totò, scompisciandosi dal ridere, rispondeva: “E che, so' Pasquale io?” Ebbene, questa mattina è passata su Rai Radio 3 (GR delle 9,45) una dichiarazione in cui il capo Ufficio pubblica informazione e comunicazione (Upicom) della Difesa, Contrammiraglio Fabio Agostini assicurava che l'attentato avvenuto ieri a Kirkuk non sicuramente era diretto contro gli Italiani. La scenetta di Totò fa ridere, l'affermazione di Agostini molto meno. Il più bel tacer non fu mai scritto.
Continua a leggere

Trending

Il Messaggero Marittimo - I contenuti sono di esclusiva proprietà e non possono essere divulgati sotto alcuna forma se non con il consenso. Copyright © 2017 - Edizioni Commerciali Marittime s.r.l. Sede sociale: Piazza Cavour, 6 - Livorno | Ufficio Registro delle Imprese di Livorno n. 00088620497 | P.Iva 00088620497 | Capitale Sociale € 100.000,00 interamente versati

Scopri tutte le notizie dal mondo dello shipping e della logistica senza limitazioni

Utilizzando il sito, accetti la nostra politica sui cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi