D’Agostino: integrazione con retro-porti fondamentale

D'Agostino
PADOVA - L’Italia «di infrastrutture ne ha a sufficienza e abbiamo già un quadro normativo idoneo, con le nuove Autorità di Sistema portuale il dibattito si è concentrato molto sull’integrazione tra porti, anche per le ripercussioni nelle relazioni tra Province o Regioni. Ma dal punto di vista commerciale e logistico più interessante è l’integrazione tra porti e retro-porti, diventati parte dei porti. Le infrastrutture modali e di rete ci sono, ora abbiamo tutti gli elementi e gli strumenti per lavorare bene». Lo ha detto Zeno D’Agostino, presidente Assoporti, al convegno sulle frontiere green dell’intermodalità al Green Logistics Expo, primo salone internazionale della logistica sostenibile, durante il convegno di apertura della manifestazione che è stato coordinato da Sebastiano Barisoni, vicedirettore di Radio24. Plauso di D’Agostino per la «progettazione di Rfi negli investimenti per i porti» che per lo scalo di Trieste significa «finanziamenti di opere per 113 milioni» (83 ...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Logistica

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar