Decreto Genova: fortemente inadeguato

piattaforma logistica
GENOVA - “Lo scalo genovese non è un porto qualsiasi. E’ uno dei motori di sviluppo più importanti del nostro Paese, mette in moto una occupazione che secondo Nomisma arriva a 90mila unità, tra diretti e indiretti, di cui 16mila nel solo Piemonte. Un porto che genera 6 miliardi di entrate fiscali per le Casse dello Stato, una ricchezza di cui il Bilancio statale ha assoluto bisogno”. Lo ha detto Mino Giachino intervenendo durante un convegno a Naples Shipping Week. Il drammatico crollo del ponte Morandi, continua Giachino, limita e crea difficoltà a una azienda, il porto, che equivale a tutti gli stabilimenti Fiat del nostro Paese, ma il porto serve l’import e l’export di tutta la manifattura del Nord Italia. Il danno creato genera difficoltà al nostro sistema trasportistico ma anche a molte strutture manifatturiere. Rifare il ponte Morandi pertanto è una urgenza nazionale non di Genova. Se il porto ligure perde traffici una parte verrà acquisita da Marsiglia o dai porti del N...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Economia

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

emanuele orsini
Economia

Emanuele Orsini nominato presidente di Confindustria

ROMA – Lo scorso Aprile il Consiglio Generale di Confindustria ha designato Emanuele Orsini presidente, raggiungendo le 147 preferenze. Nomina confermata dall’assemblea privata dei delegati, riunita nell’Auditorium della Tecnica di…
Confetra
Economia

Parola d’ordine: reindustrializzare la Toscana

PIOMBINO –  Nereo Marcucci ha formulato un intervento piuttosto articolato, a 360 gradi, in occasione del recente convegno “Le interconnessioni ferroviarie e la ZLS per il rilancio territoriale di Piombino”,…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar