Connect with us

Porti

Genova: nessuna offerta alla gara per la nuova diga foranea

Il pericolo extracosti scoraggia le cordate. Lettera al presidente AdSp Signorini: “Aggiornare il bando”

Pubblicato

il giorno

nuova diga foranea
GENOVA - Come riportava l'Ansa già nelle scorse ore, nessuna offerta è stata presentata entro i termini della scadenza prevista dal bando di gara per aggiudicarsi i lavori di costruzione della nuova diga di Genova. Nessuna proposta quindi per l'appalto integrato che dovrebbe assegnare il compito di realizzare la prima fase d'intervento sulla nuova diga del porto di Genova: un cantiere per un'opera maxi e di significativa importanza per l'economia del mare nazionale, che vale oltre 900 milioni di euro. Si sarebbe quindi tirata indietro anche la cordata composta da WeBuild, Fincantieri, Fincosit e Sidra, un consorzio che avrebbe messo per iscritto le moti...
Abbonati o effettua il login
Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Porti

Piombino, anche PIM preoccupata per il rigassificatore in porto

Il cantiere navale occupa parzialmente l’area dove dovrebbe ormeggiare la Fsru. Pioggia di richieste di chiarimenti a Snam

Pubblicato

il giorno

rigassificatore
PIOMBINO - Non si piega il fronte del no, composto da autorità locali, imprenditori e residenti piombinesi, che si oppongono completamente al progetto della nave Frsu, vale a dire il rigassificatore ormeggiato in porto. Come riporta anche Il Tirreno nell'edizione odierna (8/8), questo è il riassunto della posizione espressa dal Comune di Piombino che ha depositato la propria documentazione, un memorandum di dieci pagine, come richiesto dall'iter della conferenza dei servizi 'asincrona' aperta dal commissario straordinario Eugenio Giani.