Connect with us

Porti

Due reattori da 3mila tonnellate partiti da Venezia

Musolino: solo a Porto Marghera è possibile realizzare operazioni come questa

Vezio Benetti

Pubblicato

il giorno

reattori
VENEZIA - Sono salpati a bordo della nave Happy Star della compagnia BigLift i due reattori di hydrocracking realizzati da Atb Riva Calzoni e destinati alla prima raffineria privata nigeriana della società Dangote Refining Ltd. I corpi in pressione sono stati fabbricati tra Roncadelle, in provincia di Brescia, headquarter della storica società lombarda, e Marghera, nelle officine di assemblaggio di Atb Riva Calzoni, a pochi metri dal terminal di spedizione. Ciascuno dei due componenti (pressure vessel), tra i più grandi mai prodotti al mondo per il settore petrolchimico, pesa 1.535 tonnellate e misura 60 metri di lunghezza, e fa segnare un record per lo scalo, dal quale non erano mai stati effettuati imbarchi di tale peso. La fase del trasporto dei reattori dallo stabilimento alla banchina è stata messa in opera da Fagioli spa che, nel dovuto rispetto delle portanze del terreno, ha impiegato 72 assi Spmt (Self-Propelled Modular Transporter) formando per ciascun carico un convo...
Abbonati o effettua il login
Continua a leggere
1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: Italy’s Atb Riva Calzoni exports hydrofracking reactors from Venice port – PortSEurope

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Porti

Portoferraio: si prolunga la banchina

Questo e gli ulteriori interventi di adeguamento hanno un valore di 6 milioni

Giulia Sarti

Pubblicato

il giorno

Piombino blue-port 2030 portoferraio
LIVORNO - Ridisegnare Portoferraio con un'opera principale: prolungare la banchina Alto Fondale di 64 metri, creando così un accosto con una lunghezza finale di circa 180 metri contro gli attuali 116. È questa la principale proposta di adeguamento tecnico funzionale al Piano regolatore portuale presentata in Comitato di gestione e con la quale l’Autorità di Sistema portuale del mar Tirreno settentrionale si ripropone rendere Portoferraio adatto a ricevere le navi di ultima generazione, quelle con lunghezza variabili tra i 117 e i 170 metri, che per evidenti limiti strutturali non possono ormeggiare in porto. A questa proposta si aggiunge il ridimensionamento di 30 metri per la lunghezza della Calata Depositi (oggi lunga 105 mt), riallineandola con il Molo gallo e ampliando così gli spazi a te...
Continua a leggere

Porti

Manager svizzeri visitano terminal Lsct

Tour organizzato dallo spedizioniere Lamprecht

Massimo Belli

Pubblicato

il giorno

LA SPEZIA - Venti manager di diverse aziende esportatrici hanno fatto visita al terminal Lsct, nel corso di una tappa del business tour organizzato dallo spedizioniere Lamprecht. Il porto è strategicamente posizionato sulla costa ligure, in un’insenatura naturale protetta, che porta numerosi vantaggi per tutta la merce che transita da/per Far East, Continente Indiano, Medio Oriente e Nord America. Francesco Di Sarcina, segretario generale dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure orientale ha introdotto il porto agli ospiti e Daniele Testi, direttore marketing del Gruppo Contship, Nicolò Marrali, customer care e business development manager Hannibal e Paolo Califano, sales manager RHM (Rail Hub Milano), hanno poi descritto ai visitatori i vantaggi principali derivanti dall’utilizzo del porto della Spezia, appr...
Continua a leggere

Porti

Nuove prospettive per il porto di Livorno

Ma la piattaforma Europa resta fondamentale per il futuro

Massimo Belli

Pubblicato

il giorno

LIVORNO - Ieri pomeriggio a Palazzo Rosciano si è tenuta una importante riunione del Comitato di gestione dell’AdSp. Oltre a fare chiarezza in merito alla vicenda che ha tenuto banco negli ultimi giorni, cioè sulla movimentazione dei contenitori al terminal Lorenzini, sono state approvate in via definitiva tre proposte di adeguamento tecnico funzionale del Piano regolatore portuale che ridisegnano una parte consistente del porto commerciale, riorganizzandola e razionalizzandone le destinazioni funzionali. Implementare l’offerta di accosto dei prodotti forestali e potenziare gli spazi sia per il traffico multipurpose che per quello delle Autostrade del mare, riorganizzandone le aree, sono i nuovi obiettivi che si è posta l’Autorità di Sistema portuale del Mar Tirreno settentrionale. Ex Enel La prima proposta di variazione, approvata nella riunione del Comitato di gestione, interessa le aree industriali di Liv...
Continua a leggere

Trending

Il Messaggero Marittimo - I contenuti sono di esclusiva proprietà e non possono essere divulgati sotto alcuna forma se non con il consenso. Copyright © 2017 - Edizioni Commerciali Marittime s.r.l. Sede sociale: Piazza Cavour, 6 - Livorno | Ufficio Registro delle Imprese di Livorno n. 00088620497 | P.Iva 00088620497 | Capitale Sociale € 100.000,00 interamente versati

Scopri tutte le notizie dal mondo dello shipping e della logistica senza limitazioni

Utilizzando il sito, accetti la nostra politica sui cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi