Espo: ok all’Ets ma ben progettato

AFIR Ryckbost
BRUXELLES - Espo, l'Organizzazione europea dei porti marittimi è pronta a sostenere l'estensione del sistema di scambio di quote di emissione dell'Ue (Ee Ets) al settore marittimo, riconoscendo che può essere un potente meccanismo per accelerare la transizione verde del settore. A queste premesse si aggiungono però delle considerazioni affinchè il meccanismo possa funzionare. Tra le proposte Espo indica che si debba compiere ogni sforzo per evitare la rilocalizzazione delle attività e delle emissioni di carbonio verso i porti limitrofi e che i proventi dell'Ets del settore marittimo siano utilizzati prevalentemente per finanziare investimenti a bordo delle navi e nei porti per realizzare questa transizione verde. Sulla prima proposta il Parlamento e il Consiglio europeo hanno già compiuto passi avanti nell'affrontare la possibilità di una rilocalizzazione delle emissioni di carbonio, ma occorre compiere ulteriori progressi per garantire che i prov...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

“Tavolo del mare” grimaldi
Porti

La risposta del Gruppo Grimaldi sul Tdt

NAPOLI – Dopo la giornata di oggi che ha visto il confronto dell’organo di partenariato dell’AdSp, richiesto dalle segreterie Filt Cgil, Uiltrasporti e Fit Cisl, e lo scontento dei lavoratori…
portuali
Porti

Tavolo di partenariato AdSp Mts, senza Tdt

LIVORNO – Riunione del tavolo di partenariato a Palazzo Rosciano oggi, per discutere della situazione che nelle ultime settimane ha animato gli animi dei lavoratori portuali, dopo lo scalo di…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar