Genova: ora gli extracosti li pagherà tutta la filiera

a piedi disagi costi
GENOVA - La goccia ha fatto traboccare il vaso e l'autotrasporto ligure si trova oggi a un bivio. “Dopo aver subito per anni, gli extra costi derivanti dalla congestione dei terminal e del sistema portuale nel suo complesso, e nella prospettiva di ulteriore aggravamento derivante dai cantieri aperti per le nuove infrastrutture” ora si chiede il conto e lo si fa con un annuncio delle associazioni di rappresentanza di categoria Trasportounito, Aliai, Anita, Cna Fita, Confartigianato Trasporti, Fai, Fiap, Lega Cooperative. “O l’intera filiera della merce, ovvero quello che riguarda terminal, spedizionieri, società di logistica, autostrade, e caricatori si fa carico degli extra costi che gravano solo sull’autotrasporto, oppure sarà l’autotrasporto a reagire con forza e imporre la misurazione dei costi eccedenti per consentirne la copertura”. Secondo le rappresentanze la “quotidiana congestione del porto di Genova generata da Terminal ingiustificata...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Porto Torres
Porti

Porto Torres: nuovo check point di security

PORTO TORRES – Entra ufficialmente in funzione a pieno regime, nello scalo di Porto Torres, il primo dei nuovi check point di security previsti, per alcuni dei porti di competenza,…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar