Connect with us

Shipping

Gestione e controllo delle acque per l’uso umano a bordo nave

Disponibile il corso online che vede la stretta collaborazione della società Oltremare e del Centro Radio Medico Internazionale

Pubblicato

il giorno

acque
ROMA - Il Centro Radio Medico Internazionale (C.I.R.M.) e la società di formazione “Oltremare – Servizi Integrati per lo shipping”, società di scopo di Assarmatori, hanno creato e rilasciato online il corso di formazione sulla “Gestione ed il Controllo delle Acque per l’Uso Umano a Bordo Nave” con l’obbiettivo primario di offrire alle società armatrici un ulteriore elemento volto a rafforzare le procedure di controllo in house, con particolare riferimento al rischio legionellosi, e per innalzare la qualità della vita dei lavoratori impegnati a bordo delle navi. La Maritime Labour Convention del 2006 (MLC 2006) ha previsto una serie di regole atte ad assicurare che la gente di mare abbia accesso ad una alimentazione di buona qualità, compresa l’acqua pota...
Abbonati o effettua il login
Continua a leggere
Pubblicità Ascolta "In bianco e nero" su Spreaker.
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shipping

‘Navigando in acque agitate’: il report ONU sul trasporto marittimo

Preoccupazioni messe nero su bianco dall’UNCTAD, anche rispetto a un mercato dello shipping sempre più in mano a pochi

Pubblicato

il giorno

marittimo
NEW YORK - Pubblicato il rapporto UNCTAD , la Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo, sul trasporto marittimo. "Il COVID-19, la guerra in Ucraina, i cambiamenti climatici e la geopolitica hanno devastato il trasporto marittimo e la logistica, intasando alcuni porti e chiudendone altri, riconfigurando le rotte, prolungando i ritardi e aumentando i costi di spedizione - racconta il rapporto - Le navi trasportano oltre l'80% del commercio mondiale, quindi interruzioni nei porti e sulle rotte marittime significano che cibo, energia, medicine e altri beni essenziali non raggiungono chi ne ha bisogno. Le imprese sono rimaste senza rifornimenti. E i prezzi per produttori e consumatori salgono. Sebbene i ritardi siano migliorati e le tariffe del carico secco stiano diminuendo, il trasporto marittimo, e quindi il commercio mondiale, rimane vulnerabile (...) A livel...
Continua a leggere

Shipping

Marevivo nomina Emanuele e Guido Grimaldi ‘Cavalieri per il Mare’

L’AD ed il manager del gruppo armatoriale partenopeo designati dall’associazione ambientalista per l’impegno per l’ecosostenibilità

Pubblicato

il giorno

Grimaldi
NAPOLI - In virtù dell’impegno lungamente profuso e della grande sensibilità dimostrata per i temi legati alla salvaguardia dell’ambiente e del mare in particolare, lo scorso 26 novembre l’associazione ambientalista Marevivo ha nominato “Cavalieri per il Mare” Emanuele e Guido Grimaldi, rispettivamente Amministratore Delegato e Corporate Short Sea Shipping Commercial Director del Gruppo armatoriale partenopeo. Il Cavalierato per il Mare, istituito da Marevivo nel 2017, è una onorificenza destinata a donne e uomini vicini all’associazione, che con la loro notorietà e influenza possono attirare l’attenzione dell’opinione pubblica su temi legati all’ambiente e convogliare risorse per la difesa del mare. Tra questi Cavalieri figurano prestigiose personalità provenienti da diversi ambiti professionali – imprenditoria, scienza, sport, arte e spettacolo – che condividono i valori e i messaggi dell’associazio...
Continua a leggere

Shipping

Assarmatori: “ETS: obiettivi strategici UE di modal shift a rischio”

Il presidente Stefano Messina: “La tempistica di applicazione dell’ETS dev’essere modulata e coordinata tra trasporto marittimo e stradale”

Pubblicato

il giorno

ETS
BRUXELLES - I negoziatori UE (il Consiglio, il Parlamento e la Commissione) raggiungeranno un accordo provvisorio di compromesso sull’inserimento del trasporto marittimo nell’ETS (Emission Trading System, parte del pacchetto Fit for 55) in base ad un’intesa raggiunta di fatto la settimana scorsa. Recependo, in parte, le istanze di correzione sostenute da Assarmatori l’accordo, rispetto alla proposta iniziale della Commissione europea, dovrebbe prevedere l’esenzione da tale regime fino al 2030 almeno per quanto riguarda i collegamenti marittimi con le isole minori, la destinazione quindi di una parte dei proventi al settore marittimo per finanziare investimenti in innovazione, prevedendo in contemporanea una tempistica di applicazione graduale e dilazionata di un anno.
Continua a leggere

Podcast

Iscriviti alla newsletter

Trending

Il Messaggero Marittimo - I contenuti sono di esclusiva proprietà e non possono essere divulgati sotto alcuna forma se non con il consenso. Copyright © 2017 - Edizioni Commerciali Marittime s.r.l. Sede sociale: Piazza Cavour, 6 - Livorno | Ufficio Registro delle Imprese di Livorno n. 00088620497 | P.Iva 00088620497 | Capitale Sociale € 100.000,00 interamente versati

Scopri tutte le notizie dal mondo dello shipping e della logistica senza limitazioni

Utilizzando il sito, accetti la nostra politica sui cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi