Il porto di Ancona dopo l’incendio

parità di genere milleproroghe
ANCONA – Il porto di Ancona non perde tempo e dopo l'incendio che lo scorso 16 Settembre ha colpito l'area ex Tubimar, cerca di ripartire nel più breve tempo possibile. Il primo passo lo fa riunendo Autorità di Sistema portuale del mar Adriatico centrale, Capitaneria di porto e Comune di Ancona, associazioni di categoria, sindacati e operatori portuali per un confronto sulla strategia da definire per il futuro della zona produttiva logistica. A coordinare le tante voci intervenute, il presidente dell'AdSp Rodolfo Giampieri e il segretario generale Matteo Paroli, che hanno aggiornato i presenti su quanto già fatto fino a oggi. L'idea condivisa da tutti è che è necessario più che mai un lavoro unitario che definisca una strategia per l’area logistica nel minor tempo possibile tutelando il lavoro delle imprese e l’occupazione. Richieste a cui è giunta la rassicurazione dei vertici dell’Autor...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

depositi genova pegli
Porti

Pegli, conclusi lavori dopo la mareggiata

GENOVA -Dopo la mareggiata dello scorso Novembre, si sono conclusi i lavori di manutenzione a Molo Archetti e Pontile Milani, a Pegli, rendendo di nuovo pienamente accessibile l’area a ridosso…
calabrese
Porti

L’AdSp contribuisce al turismo calabrese

GIOIA TAURO – Il presidente dell’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno meridionale e Ionio, Andrea Agostinelli, ha partecipato all’evento “Calabria Straordinaria: il Futuro del Turismo” organizzato dalla Regione Calabria…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

conemar
grendi