Infrastrutturazione della ZES Calabria

infrastrutturazione Terminal intermodale
GIOIA TAURO - L’Autorità portuale di Gioia Tauro ha destinato 600 milioni di euro per l’infrastrutturazione della Zone economiche speciali. Tra le prime Zone economiche speciali istituite in Italia, la ZES Calabria, guidata dal commissario governativo Rosanna Nisticò, ha un’estensione di superficie pari a 2.444,53 ettari, suddivisa tra aree retro-portuali ed aeroportuali. Intorno a questi territori, ruolo attrattivo di sviluppo è ricoperto dal porto di Gioia Tauro, che assume funzione trainante nel sostegno all’economia dell’intera regione. A tale proposito, al fine di creare le condizioni infrastrutturali favorevoli all’insediamento di nuove imprese, oltre a quelle determinate dalla normativa di settore e relativa alla istituzione delle ZES (incentivi, benefici fiscali e semplificazioni amministrative), l’Autorità portuale di Gioia Tauro ha inserito nel proprio Piano Operativo Triennale 2021 – 2023 una serie di opere pubbliche, che puntano a rag...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

depositi genova pegli
Porti

Pegli, conclusi lavori dopo la mareggiata

GENOVA -Dopo la mareggiata dello scorso Novembre, si sono conclusi i lavori di manutenzione a Molo Archetti e Pontile Milani, a Pegli, rendendo di nuovo pienamente accessibile l’area a ridosso…
calabrese
Porti

L’AdSp contribuisce al turismo calabrese

GIOIA TAURO – Il presidente dell’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno meridionale e Ionio, Andrea Agostinelli, ha partecipato all’evento “Calabria Straordinaria: il Futuro del Turismo” organizzato dalla Regione Calabria…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

conemar
grendi