La guerra commerciale costerebbe al mondo l’1% di Pil

dazi
CERNOBBIO - L’attuazione di misure protezioniste e l’introduzione di dazi ”sono uno scenario generale chiaramente negativo per l’economia mondiale nel suo complesso”. Lo sottolinea Benoit Couerè membro del Comitato esecutivo della Banca centrale europea, nel suo intervento al Workshop The European House Ambrosetti. Secondo simulazioni di Francoforte, evidenzia Coeurè, ”lo scambio mondiale di merci potrebbe scendere fino al 3% già nel primo anno dopo la variazione delle tariffe e il Pil mondiale fino all’1%. Anche il Pil dell’area dell’euro diminuirebbe, ma in misura minore rispetto agli Stati Uniti”. Le stime degli esperti della Bce si basano su uno scenario ipotetico in cui gli Stati Uniti alzano le tariffe sui beni del 10% e come ritorsione i partner commerciali applicano l’equivalente alle esportazioni Usa. Coeurè evidenzia quindi che ”questi sviluppi finirebbero per pesare anche sui prezzi e sui salari”. Dunque ”perché il protezionismo è importante per le banche central...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Notizie dal mondo

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Lusben
Nautica

Lusben ‘in vetrina’ al MYBA Charter Show

GENOVA –Il 34° MYBA Charter Show (MCS) rappresenta per Lusben la sede ideale per confrontarsi con i principali protagonisti del settore del charter di lusso e presentare l’offerta di refit,…
milano
Nautica

Anche Azimut yachts alla Milano design week 2024

MILANO – “Mooring by the Moon”, è un’installazione immersiva presentata da Azimut Yachts all’interno della Milano design week 2024 nella suggestiva cornice dei Bagni Misteriosi di Milano (Via Carlo Botta,…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar
grendi