Nearshoring, da qui al 2025 in Italia crescerà del 9%: l’analisi di IUNGO

nearshoring IUNGO
ROMA - Con la riduzione del traffico delle navi mercantili tra l'Oceano Indiano e il Mar Rosso sui suoi flussi commerciali, l’Italia perde 95 milioni di euro al giorno. La chiusura temporanea del Canale di Suez ha indebolito le catene di approvvigionamento globali, ma ha anche stimolato la nascita di alcuni interrogativi strategici: conviene dipendere da un unico fornitore? E ancora: è preferibile collaborare con partner locali. A queste domande risponde la piattaforma di supply chain collaboration in cloud IUNGO, che stima una crescita del nearshoring in Italia al 2025 del 9% e che posiziona il Belpaese in vetta alla classifica delle destinazioni europee favorite per la centralizzazione delle forniture delle...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Economia, Logistica

Articoli correlati

Nessun risultato trovato.

Potrebbe interessarti

nola
Logistica

Interporto Nola: comincia bene il 2024

NOLA – L’Interporto di Nola continua a crescere in tema di intermodalità. Dopo la stasi dello scorso anno e dei primi mesi 2024, sono stati attivati, e poi anche potenziati,…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar