petroliere

L’ingorgo di petroliere all’ingresso del Bosforo si sta sbrogliando: lo aveva causato l’avvio dell’embargo UE sul petrolio russo trasportato via mare, accompagnato dal divieto alle compagnie assicuratrici europee di servire anche i carichi diretti a Paesi terzi, nel caso non accettassero il tetto di 60 dollari per barile di greggio proveniente dalla Russia. La coda si era formata a causa dei controlli supplementari richiesti dalla Guardia costiera turca, preoccupata di verificare che il traffico sugli Stretti continuasse ad avere copertura adeguata in caso di incidenti: un confronto tra diplomatici, assicuratori e autorità turche avrebbe trovato la formulazione burocratica giusta per sbloccare l’impasse, permettendo alle navi russe di proseguire il viaggio verso il Canale di Suez. E da lì verso i mercati asiatici. È questa ormai la rotta prevalente: già in ottobre le consegne di petrolio russo all’Europa si erano ridotte a poco più di un quinto del totale. Per Nikita Brokhin, analis...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Senza categoria

Articoli correlati

Nessun risultato trovato.

Potrebbe interessarti

prato
Senza categoria

Sustainable Tour 2023 fa tappa a Prato

PRATO – A sole due settimane di distanza dal dibattito promosso da evenT all’interporto di Parma, torna l’appuntamento con il Sustainable Tour 2023, il ciclo di incontri sulla sostenibilità nel mondo…
Giorgio Bucchioni

La serata per Giorgio Bucchioni

LA SPEZIA – Il Propeller Internazionale Club della Spezia e di Marina di Carrara ha dedicato una serata, fortemente voluta e organizzata dall’attuale presidente Gian Luca Agostinelli e dallo staff…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar