Ponte sullo Stretto? “Occhio alle crisi delle materie prime e agli shock globali”

stretto
ROMA - "Il Ponte sullo Stretto è certamente un’opera di cui l’Italia, e la Sicilia in particolar modo, ha bisogno ma, dopo tantissimi anni di rimandi, rinunce, attese dare il via ai lavori in questa specifico contesto economico globale non mi sembra ragionevole" commenta Fabio Zonta, uno dei massimi esperti di approvvigionamenti in Italia, a commento delle parole del ministro Salvini a Rtl 102.5 che ancora una volta conferma il via ai lavori entro due anni e la finalizzazione dell’opera ‘entro la prossima legislatura’. https://twitter.com/matteosalvinimi/status/1633010766314962946 "Inviterei il ministro Salvini a ragionare con la diligenza di un buon amministratore di condominio – continua l’esperto – Infatti oggi, così come nel medio termine, per la carenza di materie, è impegnativo e più costoso che ...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Trasporto

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

conemar
grendi