Turismo nautico ricchezza del Paese

Ettore Rosato 19 09 15ROMA - Sono 40.000 i diportisti fuggiti dai porti italiani nel periodo 2011-2013, quello successivo all'entrata in vigore della tassa di stazionamento introdotta dall'allora governo Monti e dal Giugno del 2013 attenuata per le imbarcazioni fino ai 14 metri di lunghezza. Questi i dati dell'Osservatorio Nautico Nazionale, presentati in occasione del convegno "Turismo nautico ricchezza del Paese" organizzato dal gruppo dei deputati Pd alla Camera.
Secondo l'Osservatorio, «se questi diportisti tornassero nei porti italiani porterebbero 11.667 posti di lavoro in più e spenderebbero in totale (per la barca e in spese che ricadono positivamente sul territorio) 488 milioni di euro». Il lieve miglioramento i dati sui porti dal 2014, «i posti barca utilizzati sono in aumento dell'1,...

Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Archivio

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Archivio

Porto Trieste hub lungo Via della Seta

TRIESTE – L’importanza dello scalo portuale di Trieste nell’ambito degli scambi internazionali e la valenza del sistema logistico del Friuli Venezia Giulia, sono stati alcuni dei temi affrontati nell’incontro tra…
Cfo moby 15 12 17
Archivio

Francesco Greggio nuovo Cfo Gruppo Moby

MILANO – Francesco Greggio è il nuovo Chief financial officer del Gruppo Moby. Si tratta – informa la compagnia – di una promozione dall’interno dal momento che Greggio è in…
Archivio

In comune a Trieste ambasciatore della Turchia

TRIESTE – L’ambasciatore di Turchia Murat Salim Esenli, inquesti giorni è aTrieste in visita ufficiale. Accompagnato dal console generale della Repubblica di Turchia a Milano Hami Aksoy, dal primo segretario…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar