Uiltrasporti: la riforma dei porti non decolla

riforma commissario porti dell’Alto Tirreno
ROMA – Uiltrasporti interviene con una nota diffusa sulla riforma dei porti, riforma che a loro parere non sta “decollando”. “A due anni dall’emanazione della riforma della governance dei porti italiani con il varo delle AdSp sotto un’unica regia in grado di fare sistema per il bene Paese, i risultati stanno spegnendo ogni entusiasmo iniziale” scrivono. “Mancano i segnali di visione generale necessaria alla crescita dei traffici e alla tutela dell’occupazione, che necessita di regole chiare e uguali per tutti porti, mentre per il momento l’unico risultato ottenuto pare l’essere passati da 25 a 15 forse 16 organismi, con l’istituzione di Messina-Reggio Calabria, che continuano ad agire come fossero repubbliche autonome. La cosa ancora più allarmante -sottolinea Uiltrasporti- è poi lo spostamento, in questi ultimi giorni, del dibattito politico su temi non prioritari, se non addirittura dannosi, sulla governance dei porti”. “La port...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

donne
Porti

Donne nei porti: Italia ancora indietro

ROMA – L’ultima donna presidente di un’Autorità di Sistema portuale italiana è stata Carla Roncallo alla guida di La Spezia e Marina di Carrara prima di passare ad Art nel…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar