Via della Seta: Serracchiani, non uscire da perimetro Ue

container non c'è
TRIESTE - “Non è il porto di Trieste il cavallo di Troia di cui i cinesi hanno bisogno per entrare in Italia, esercitare la loro influenza sul nostro Paese e da qui aprirsi la strada in Europa. Quello che deve essere più chiaro è l’indirizzo politico strategico del Governo italiano, all’interno del quale Trieste è un tassello importante e molto peculiare ma non certo l’unico”. Lo afferma la deputata del Pd Debora Serracchiani, intervenendo nel dibattito seguito all’annuncio della firma di un memorandum Italia-Cina per l’adesione al progetto One Belt one Road. Per Serracchiani “il problema non sono gli investimenti cinesi a Trieste e in Italia, ma la cornice entro cui il Governo intende gestire la partita dei rapporti economici internazionali. E’ azzardato uscire da un perimetro di sicurezza, che è quello tracciato dalle regole e dagli standard dell’Unione europea e dal sistema delle alleanze di cui l’Italia fa parte. In questo sistema, i dati e le comunicazioni rappresentano ovvi...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

“Tavolo del mare” grimaldi
Porti

La risposta del Gruppo Grimaldi sul Tdt

NAPOLI – Dopo la giornata di oggi che ha visto il confronto dell’organo di partenariato dell’AdSp, richiesto dalle segreterie Filt Cgil, Uiltrasporti e Fit Cisl, e lo scontento dei lavoratori…
portuali
Porti

Tavolo di partenariato AdSp Mts, senza Tdt

LIVORNO – Riunione del tavolo di partenariato a Palazzo Rosciano oggi, per discutere della situazione che nelle ultime settimane ha animato gli animi dei lavoratori portuali, dopo lo scalo di…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar