Cold ironing: cosa si è fatto a Genova e Savona

genova
GENOVA - Quando ancora non c'era la spinta attuale, specie dell'Europa per il cold ironing, i Ports of Genoa erano già impegnati in questa attività che prevede la realizzazione di impianti per la fornitura di energia elettrica alle navi attraccate nei porti di Genova e Savona. Le navi alimentate da terra attraverso la rete elettrica nazionale possono così spegnere i generatori di bordo che generalmente restano accesi, eliminando così le emissioni in atmosfera e mitigando l'impatto acustico. Gli interventi di cold ironing ad oggi in esercizio, riguardano le banchine dei Rimorchiatori Riuniti Genova, delle riparazioni navali di Genova, dei cantieri navali a Sestri Ponente e il terminal traghetti di Vado Ligure. “I primi interventi anche se semplici erano già efficaci dal punto di vista ambientale e hanno portato a quelli più complessi” spiega Davide Sciutto dell'AdSp mar Ligure occidentale nel video sul si...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

donne
Porti

Donne nei porti: Italia ancora indietro

ROMA – L’ultima donna presidente di un’Autorità di Sistema portuale italiana è stata Carla Roncallo alla guida di La Spezia e Marina di Carrara prima di passare ad Art nel…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar