Siamo uomini o robot?

TARANTO - Felice Magarelli, impiegato dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Ionio - Porto di Taranto, ha inviato in redazone, una sua riflessione sul futuro che attende i lavoratori del settore trasporti e che pubblichiamo integralmente a seguire. ”Negli ultimi anni il settore dei trasporti sta attraversando una fase di profonda trasformazione, riconducibile essenzialmente all’ingresso di nuovi e sempre più sofisticati sistemi tecnologici. Tale cambiamento ha interessato anche i principali porti europei, dove ormai da tempo si assiste ad una graduale modifica del tradizionale assetto del lavoro portuale. Al netto di quelli che possono essere gli indiscutibili vantaggi derivanti dall’avvento dei processi di automazione e digitalizzazione, soprattutto sotto il profilo della qualità del lavoro, resta da considerare la questione relativa alla conseguente ed implicita riduzione del capitale umano in termini di occupazione. I rischi sono purtroppo concreti: secondo uno studio co...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar
grendi