Compagnie marittime e ETS: profitti esagerati o rincari giustificati?

Assarmatori ETS
BRUXELLES - Un recente studio condotto da Transport & Environment (T&E), associazione ambientalista europea indipendente, rivela che i giganti del trasporto merci marittimo starebbero apparentemente sfruttando il mercato delle emissioni di CO2 dell'UE (ETS) per incrementare i propri profitti. L'analisi (QUI IL LINK PER LA CONSULTAZIONE INTEGRALE), basata su oltre 500 viaggi da e verso i principali porti europei, suggerisce che nel quasi 90% dei casi le compagnie di navigazione addebitano ai clienti costi maggiori rispetto a quelli effettivamente sostenuti per conformarsi al sistema ETS dell'Unione Europea. Un esempio estremo riportato sarebbe quello dell'azienda danese Maersk, che potrebbe ottenere più di 300.000 euro di extra profitti...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Shipping

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

gea
Shipping

Intesa Assarmatori – ITS Academy Caboto

ROMA – Attivare un reciproco e costante scambio di informazioni con il fine di realizzare percorsi formativi integrati e mirati rivolti agli operatori del settore marittimo, portuale e logistico per…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar
grendi