Nuovo Governo: sulla logistica idee confuse

logistica_ gioia tauro sciopero fondali
MILANO - ”A me piace parlare (e scrivere) solo di quello che so, quindi non vi annoierò con una discussione sui vaccini o sul vincolo di mandato o sul reddito di cittadinanza”. Scrive Paolo Federici, responsabile della società ”Fortune” trasporti internazionali ”Nvocc” di Milano. ”Però una parola sui trasporti marittimi e sui problemi della logistica italiana me la dovete permettere. Come sa chi mi legge da tempo, io credo fermamente che ”l’Italia per la sua collocazione geografica al centro del Mediterraneo, rappresenta la naturale cerniera di collegamento per i traffici provenienti dall’estremo e medio oriente verso l’Europa”. Le parole che vede v irgolettate le ho riprese pari pari dal Contratto di Governo del quale si sta discutendo in queste ore. Così come è vero che “Ad oggi la maggior parte del traffico di 30 milioni di container provenienti ogni anno dal canale di Suez passa davanti alle nostre coste ma non si ferma, si dirige verso i porti del Nord Europa: Rotterdam, ...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar
grendi