Spediporto non ci sta: attacco al ministero per la mancanza di personale per i controlli sanitari

porti tecnologia e spedizionieri spediporto
GENOVA - La premessa: un italiano su quattro mangia prodotti alimentari sbarcati a Genova o Vado Ligure. Qui, in un anno è "sparito" il 56% del personale addetto ai controlli sanitari. Ecco perchè Spediporto, che non è nuova al tema, lancia un nuovo allarme dopo le segnalazioni che già si sono ripetute nei mesi, se non anni, scorsi: dopo le ripetute segnalazioni di disservizi da parte delle proprie aziende associate, l'associazione degli spedizionieri ha deciso di far conoscere all’opinione pubblica “lo scenario desolante del personale chiamato a svolgere queste importantissime operazioni”. La richiesta è al Ministero della Salute perchè possa intervenire rapidamente sul fronte degli organici da implementare. “I numeri -spiega il direttore generale Giampaolo Botta- parlano chiaro. Gli uffici Uffici Veterinari per gli Adempimenti Comunitari (UVAC) e Posti di controllo frontalieri (PCF) di...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Porti

La crescita continua del porto di Civitavecchia

CIVITAVECCHIA – Pino Musolino, presidente dell’AdSp del Mar Tirreno Centro Settentrionale, ha fatto gli onori di casa nel contesto dell’evento organizzato da Automar dedicato alla professione di autista di bisarca.…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar
grendi