Spediporto preoccupata per le tensioni sullo shipping nel Mar Rosso

GENOVA - I recenti attacchi terroristici verso le navi mercantili in transito lungo la rotta del mar Rosso preoccupano gli operatori del settore marittimo e il Direttore Generale di Spediporto Giampaolo Botta è chiaro: “L’instabilità geopolitica ha riflessi negativi sui costi di trasporto delle merci; inevitabilmente ne risentirà anche la percezione dei mercati e la visione complessiva di una ripresa economica internazionale”. Le nuove tensioni hanno già portato le principali compagnie a riprogrammare le loro rotte, facendo transitare le navi mercantili da Capo di Buona Speranza, con un allungamento dei tempi di percorrenza stimata tra  7 e 15 giorni: “ Ci sarà – osserva Botta – un aumento del bunker, dei costi assicurativi con riflessi sulle quotazioni dei noli mare per quest...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Shipping

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar