Bacini: dirottate da Livorno commesse milionarie

bacini
LIVORNO - Una decina di importanti commesse del valore di diversi di milioni perdute solo nell’ultimo semestre. A tanto corrisponde il volume di lavoro a cui Livorno ha dovuto rinunciare nel campo delle riparazioni navali, un settore storico e remunerativo che, ormai, sembra trovare nella voxclamantis in deserto del Vescovo Giusti la sua ultima ed unica difesa. È questo il quadro che presenta Massimo Netti, di Jobson group (una delle due società in gara per i bacini livornesi), nel riferire di essere stato costretto a indirizzare a Genova, Napoli, Marsiglia e Piombino diverse navi che avevano chiesto di poter essere riparate a Livorno. La ragione è una sola, sempre la stessa da ormai troppo tempo: la banchina 76 dello scalo labronico, dedicata specificamente alle riparazioni e agli allestimenti navali, non ostante le ingiunzioni dell’Authority, continua ad essere occupata sine die da un mega Yacht di Azimut Benetti varato da...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

estate
Porti

Estate a Piombino con presidio sanitario in porto

PIOMBINO – Rinnovata anche per quest’anno in previsione dell’estate la convenzione tra l’Autorità di Sistema portuale del mar Tirreno settentrionale e tutte le Associazioni del soccorso del Comune di Piombino…
Porti

Protocollo d’Intesa tra Alis e Assiterminal

ROMA – E’ stato siglato un importante protocollo di intesa tra Alis, Associazione logistica dell’intermodalità sostenibile, e Assiterminal, Associazione italiana terminalisti portuali, avente ad oggetto lo sviluppo congiunto di temi…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar