Come l’Ets ricadrà sull’autotrasporto

Charge assotir sea modal shift
ROMA - Assotir si unisce al coro contro l'Ets chiedendo alla Regione Sicilia di intervenire per bloccare l’applicazione della nuova direttiva europea. La restituzione delle quote di EUA (European Union Allowance equivalente a 1 ton di CO2 emessa) prodotte seguirà, come noto, un sistema graduale:
  • 40% per le emissioni prodotte a partire dal 1° Gennaio 2024
  • 70% per le emissioni prodotte a partire dal 1° Gennaio 2025
  • 100% per le emissioni prodotte a partire dal 1° Gennaio 2026
La nuova normativa ricadrà sulle imprese di autotrasporto nella misura in cui aumenteranno i costi del servizio dei traghetti e il costo dei noli, attraverso l’applicazione da parte delle compagnie marittime (che hanno già inviato i listini con i prezzi aggiornati) di una nuova clausola, la cosiddetta Ets Surcharge che verrà applicata con cadenza trimestrale in funzione della variazione del prezzo delle quote EUA a partire dal 1° Gennaio 2024. ...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Autotrasporto, Trasporto

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

torino-lione
Trasporto

Torino-Lione: dall’Europa 700 milioni di euro

TORINO – Tra i finanziamenti assegnati dalla Commissione europea per i progetti beneficiari della terza edizione (2024-2027) del Meccanismo per collegare l’Europa “Connecting Europe Facility” (CEF), c’è anche la Torino-Lione.…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar