Via della seta, allarme Federlogistica

cyber security
ROMA - Federlogistica-Conftrasporto condivide pienamente le preoccupazioni manifestaste dall’Ambasciatore degli Stati Uniti Lewis Eisenberg, sui  potenziali rischi derivanti dalle presenza cinese nei porti italiani.  È un allarme - ricorda il presidente di Federlogistica  Conftrasporto  Luigi Merlo - che avevamo già lanciato due anni fa nel Forum internazionale di Cernobbio organizzato da Conftrasporto-Confcommercio”. Sulla questione interviene anche il vice presidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè, che afferma: “Quella dichiarata dalla Cina è una guerra, portata avanti in modo diverso, non esplicito, in una contesa per il potere. Il modus operandi è, tradotto in soldoni: ‘io ti finanzio, tu fai quello che dico’”. Per il presidente di Federlogistica-Conftrasporto, i pericoli di questa manovra sono sottovalutati. “Dietro la definizione evocativa di ...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Porto Torres
Porti

Porto Torres: nuovo check point di security

PORTO TORRES – Entra ufficialmente in funzione a pieno regime, nello scalo di Porto Torres, il primo dei nuovi check point di security previsti, per alcuni dei porti di competenza,…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar