Genova: sindacati contrari a ”mini” Pietro Chiesa

Pietro Chiesa
GENOVA - Spunta anche l’idea di una ”mini” Pietro Chiesa, che possa ancora lavorare nel porto di Genova con la metà dei 29 lavoratori, mentre i terminalisti sarebbero disponibili ad assorbirne solo la metà. L’ipotesi, ventilata dall’Autorità di Sistema portuale nella riunione di ieri, è stata bocciata dai sindacati e dallo stesso console della storica Compagnia che si avvia alla liquidazione, Tirreno Bianchi. ”Una cosa si è chiarita: che non sta in piedi, finanziariamente e operativamente, una Pietro Chiesa più piccola” dice Roberto Gulli, responsabile porto della Uiltrasporti di Genova. Finora i terminalisti che si sono fatti formalmente avanti per assumere una parte dei lavoratori sono Spinelli al terminal Rebora, Saar e Rolcim ma si arriverebbe a quota dodici ricollocati, per gli altri il destino resta incerto perché l’ipotesi che possa assorbirli la Culmv è legata alla presentazione del piano di risanamento e avrebbe comunque tempi lunghi. ”Noi chiediamo che siano ricolloc...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

estate
Porti

Estate a Piombino con presidio sanitario in porto

PIOMBINO – Rinnovata anche per quest’anno in previsione dell’estate la convenzione tra l’Autorità di Sistema portuale del mar Tirreno settentrionale e tutte le Associazioni del soccorso del Comune di Piombino…
Porti

Protocollo d’Intesa tra Alis e Assiterminal

ROMA – E’ stato siglato un importante protocollo di intesa tra Alis, Associazione logistica dell’intermodalità sostenibile, e Assiterminal, Associazione italiana terminalisti portuali, avente ad oggetto lo sviluppo congiunto di temi…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar