L’interdizione di Corsini e Provinciali “erat in votis”

L'interdizione di Corsini e Provinciali "erat in votis", nella foto Corsini e Provinciali Tribunale del riesame
LIVORNO - Erat in votis. La notizia dell’interdizione per un anno dalle funzioni disposta dal Gip di Livorno nei confronti del presidente e del segretario generale dell’Authority di Livorno non è certo piovuta a ciel sereno. I due, Stefano Corsini e Massimo Provinciali erano finiti mesi or sono nel mirino della Procura della Repubblica per avere –secondo l’Autorità giudiziaria– abusato del proprio ufficio nel concedere reiteratamente in via temporanea alcuni accosti nello scalo labronico. Con la stessa ipotesi di reato erano finiti sotto indagine anche l’ex presidente Giuliano Gallanti e l’ex dirigente per il demanio, Matteo Paroli, ma la loro posizione sembrerebbe essere chiarita e per essi il Gip non ha ritenuto di dover adottare alcuna misura interdittiva. Il Gip ha anche applicato una misura di interdizione di 1 anno dall'eser...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

matthieu gasselin lstc
Porti

Lstc: tutto pronto per l’ampliamento

LA SPEZIA – La gara per il via ai lavori al terminal di La Spezia di Contship (Lstc) partirà entro la fine di Maggio, come conferma ai nostri microfoni Matthieu…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar
grendi