Federagenti: “Venti di guerra sul Mediterraneo. I porti italiani sono preparati ai cambiamenti?”

Federagenti
ROMA - La partita di equilibri geopolitici sempre più delicati e fragili, nonché della sicurezza dell’interscambio mondiale, si gioca sul mare e nei porti. Secondo Alessandro Santi, Presidente della Federazione Italiana Agenti e Mediatori Marittimi (Federagenti), il caso della nave giapponese “sequestrata nel Mar Rosso”, per il solo sospetto di “interessi israeliani” fa scattare più di un segnale di allarme. E il Mediterraneo “allargato” al Mar Nero, ma anche all’immediato oltre Suez, nel momento in cui è tornato a essere baricentrico per i traffici marittimi, sta riconquistando anche lo sgradevole primato dei pericoli derivanti da uno spostamento sul mare dei conflitti e del rischio terrorismo”. “È colpevole ignorarlo: l’Italia...
Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Porti, Shipping

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar
grendi