Porti europei al vaglio della Corte Conti Ue

BRUXELLES - Un terzo della spesa europea nei porti, tra il 2000 e il 2013, è stata inefficiente e non sostenibile: è quanto emerge da un rapporto della Corte dei Conti Ue che ha analizzato 19 porti in Germania, Polonia, Italia, Svezia e Spagna, concludendo che un euro su tre di quelli spesi per i progetti esaminati (194 milioni di euro in totale) sono andati a raddoppiare strutture che già esistevano nei porti vicini.
E 97 milioni sono stati investiti in infrastrutture che o non sono state utilizzate o lo sono pochissimo dopo tre anni dalla costruzione. Un esempio di infrastruttura portuale che è stata purtroppo pochissimo utilizzata è il terminale container di Taranto per lo spostamento al Pireo deciso dalla compagnia che lo scalava. In Italia, inoltre, cinque dei sei porti analizzati non sono ancora completi per problemi amministrativi. Tra questi il porto di Salerno, che ha un ritardo record di 36 mesi per la costruzione di connessioni ...

Abbonati Effettua il login
Condividi l’articolo
Tags: Archivio

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Archivio

Porto Trieste hub lungo Via della Seta

TRIESTE – L’importanza dello scalo portuale di Trieste nell’ambito degli scambi internazionali e la valenza del sistema logistico del Friuli Venezia Giulia, sono stati alcuni dei temi affrontati nell’incontro tra…
Cfo moby 15 12 17
Archivio

Francesco Greggio nuovo Cfo Gruppo Moby

MILANO – Francesco Greggio è il nuovo Chief financial officer del Gruppo Moby. Si tratta – informa la compagnia – di una promozione dall’interno dal momento che Greggio è in…
Archivio

In comune a Trieste ambasciatore della Turchia

TRIESTE – L’ambasciatore di Turchia Murat Salim Esenli, inquesti giorni è aTrieste in visita ufficiale. Accompagnato dal console generale della Repubblica di Turchia a Milano Hami Aksoy, dal primo segretario…

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su tutte le notizie dal mondo del trasporto e della logistica

Il nostro Podcast

bunkeroil banner
conemar